Roy Lichtenstein

New York, Stati Uniti, 1923 - 1997

Nato a New York e vissuto in vari stati d’America, l’artista Roy Lichtenstein fondò la sua produzione artistica sugli aspetti che caratterizzarono e che tuttora sono parte fondante della cultura di massa Americana. Profondamente influenzato dagli scenari economici e sociali americani, nel corso della sua vita produsse un ampio numero di opere che al giorno d’oggi sono riconosciute come immagini emblematiche a livello mondiale. A partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, iniziò a lavorare su opere d’arte che avevano come punto di riferimento il mondo fumettistico, pilastro della cultura popolare americana, dal quale trasse la tecnica e la bidimensionalità delle immagini. L’artista, come già detto in precedenza, fu fortemente influenzato dai cambiamenti in ambito sociale ed economico degli ultimi anni Sessanta e degli anni Settanta, come ad esempio, il boom economico e la nascita dei movimenti femministi. In America la rappresentazione, in particolare quella della figura femminile, in questo preciso periodo storico si modifica: dalla figura classica e stereotipata della donna, associata ad un ambiente familiare e impegnata nelle cura della casa e del corpo, si passa alla presenza di una figura dalla natura più profonda. La donna è una donna nuova, simbolo del cambiamento: sensuale, riflessiva, inquieta, tenebrosa, intima e passionale. La rappresentazione più esplicitamente sensuale e talvolta sessuale è per questo artista uno strumento fondamentale per rappresentare una condizione umana più profonda e contemporanea, che ha subito l’influenza di cambiamenti sociali ed economici in grado di stravolgere il modo di pensare e di agire delle masse. Le scene proposte sono fotogrammi di un attimo, di un’emozione, di un sentimento.

NUDES

Nude with Blue Hair

1994

Nude with Blue Hair.

Serie "Nudes", 1994

L’opera del 1994 appartiene alla serie di tele che questo artista produsse verso la fine della sua esperienza artistica. Ciò che in questo pezzo risulta fondamentale è l’emotività che questo trasmette e che arriva quasi a consumarlo. Il senso di angoscia e preoccupazione riecheggia in ogni aspetto dell'opera, dalla fronte corrugata alla mano appoggiata sul volto. Attraverso la presentazione dell'artista, la ragazza è resa indifesa, poiché non le viene offerto alcun mezzo per sfuggire allo sguardo dello spettatore. Nel mostrare un'immagine che nega alla figura femminile qualsiasi qualità di dominio o potere, Lichtenstein allude alle lotte sociali degli anni '60 e alla continua lotta per l'uguaglianza femminile.