Gian Pietro Arzuffi

11-17 Aprile 2016

"L'enorme puzzle del mondo"

Pescara - Aurum Sala degli Alambicchi

finissage Sabato 16 Aprile ore 18.00 - ingresso libero

IMG 4887

 

mappa70

raggiungi la mostra con un click!

 

manifesto arzuffi web

 

Complessa e quanto mai ardita è la sfida che ha raccolto Gian Pietro Arzuffi.

Una sfida che consta nel dimostrare come una cifra stilistica all’apparenza tenue e schiva possa trovare una sua specifica dimensione tra gli spigolosi ed ingombranti profili dell’Arte contemporanea.

L’Artista dimostra di contare solo sulla nitida ricerca  e lo fa evitando ogni tipo di eccezione fuori dai consueti toni pacato che gli appartengono.

Misura che non costringe Arzuffi  nell’arido campo del già detto ma che si trasforma e cresce seguendo la progressiva convinzione con cui i Suoi Attori interpretano la scena. Progressione che ha portato Arzuffi a comporre e scomporre i pezzi di un puzzle che, nella dinamica ricerca di una posizione, percorrono energicamente la tela verso il perseguimento dell’ angusto spazio.

Spazio cercato e rifuggito nello stesso tempo. Il giusto incastro porrebbe fine al dialogo ed è questo  che rifugge lo stesso Arzuffi, convinto com’è della continua dinamicità degli eventi, delle sensazioni e delle emozioni che pervadono i suoi “Attori”.

Proprio “Attori”, si potrebbero definire in sintesi, i protagonisti nelle Opere dell’Artista. Arzuffi riesce inaspettatamente a trasformare inanimate e prevedibili componenti di un Puzzle ancora d’assemblare in vere e proprie Personalità che lo spettatore coglie nella condivisione di un percorso ora divenuto ignoto ed imprevedibile.

Sorprende, Arzuffi, per come trova il silenzioso riscontro di chi osserva una Sua Opera dentro la quale  Ci troviamo a perseguire una soluzione che si materializza sempre diversa. Sorprende nuovamente quando si avventura oltre la soglia dell’amato Puzzle per trovarsi nel campo aperto dello spazio dove navigano oggetti cosmici che a loro volta si trasformano  nel tessuto articolato e connesso del DNA. Simboli della vita e auspicio di una Socialità di relazioni e parole nella quale Gian Pietro Arzuffi dimostra di credere ciecamente.

Paolo Piergiovanni

Vai al sito dell'artista

logo

 arzuffi

Biografia

ARZUFFI GIAN PIETRO (G.P.A.) 3 MAGGIO 1979. Sin dai primi anni di scuola la passione per il disegno lo accompagna nella vita di tutti i giorni,e frequentando l’istituto tecnico per geometri. L’arte in tutte le sue forme lo accompagna sempre diventando un elemento essenziale della sua vita. Approfondisce le proprie tecniche e le proprie idee nel corso degli anni cercando di ricavare dalle proprie opere l’elemento essenziale che vuole trasmettere all’osservatore. La caratteristica che lo distingue e’ l’utilizzo di pezzi di “puzzle” per la rappresentazione delle opere cercando di far cogliere all’osservatore il significato dell’opera dai primissi istanti di osservazione.

 

diva ii 20x30cm 2013 mista su tela

La tecnica

Per l’esecuzione delle opere l’artista utilizza varie tecniche che vanno dall’acrilico su tela o tavola, oppure acrilico e collage su tela, applicazioni e collage su tela, oppure intagli a mano per l’esecuzione dei pezzi 3D. Nelle opere su supporti diversi dalla tela vengo abbinati acrilici e smalti in funzione del supporto di lavoro da eseguire.

La filosofia

La vita e’ un enorme puzzle di cui ogni uomo fa parte. Il singolo pezzetto di puzzle risulta essere il miglior simbolo per descrivere le situazioni e le emozioni della vita che vengono rappresentate in modo essenziale su una tela lasciando un segno in ciascuno di noi che nel tempo la osserverà. I pezzi di puzzle racchiudono in se il significato della vita fatto di situazioni ed emozioni che incastrandosi perfettamente l’una con l’altra compongono la quotidianità.

 

 

Condividi sul tuo social network!

eccentricita      locandina Romilio      locandina salle definitiva     locandina Di Fiore     locandina Alive 2    manifesto mostra avanguardie aurum    copertina radici terra    copertina acqua radici    manifesto arzuffi web    manifesto mastrodonato e specchio fronte copertina aria      manifesto dylan dog pescara    7 artisti 7 giorni   sottocosta 2016 01